• porsche2
  • porsche3
  • porsche1

SL CHALLENGE - Round 2 a Monza

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La Brianza, cuore dell’arredo italiano che tanto piace nel mondo è il palcoscenico per la seconda tappa del SL Porsche Challenge. Si percepisce fermento in corsia box, le settimane precedenti all’evento, hanno registrato una partecipazione molto intensa sul server. Si sono viste, da subito, ottime potenzialità unite a distacchi veramente sottili, tutti elementi che non possono che dar luogo a puro spettacolo in pista. Conclusa la prima sessione di libere, dove molti lavorano in modo diversificato, con piloti che dedicano tempo ad affinare strategie e passo gara, mentre alti, da subito si dedicano solo alla prestazione sul giro. Al termine del tempo prestabilito , si passa in sessione Qualifica, 30 minuti di fuoco, fuoco in tutti i sensi visto anche le alte temperature che si registrano, 30 gradi, non sono la condizione climatica ottimale per registrare nuovi record del tracciato. Il grip è subito buono e già dalle prime fasi si vedono tempi interessanti, molto ravvicinati; la pole viene colta da un velocissimo ma altrettanto sfortunato Boga con un ottimo 1.50.670, tempo di pochi millesimi vicino al record del tracciato sempre di sua proprietà, a seguire un ottimo Ortenzi che con un 1.50.952 mette in cassaforte la seconda piazza, si passa poi ad un ventaglio di piloti in pochissimi centesimi che però non scendono sotto 1.51; le premesse sono state confermate, il livello dei vari piloti è molto ravvicinato, grazie anche ad un tracciato che, per sua natura, spesso avvicina molto le prestazioni. Terminate le attività di qualifica ci si avvicina inesorabilmente allo spegnimento dei semafori ed alla partenza della gara sprint. Le condizioni climatiche sono leggermente diverse, le temperature si sono molto abbassate e si parte con 18 gradi. Al semaforo scatta il serpentone, nelle prime posizioni, ad eccezione di qualche attacco spigoloso subito in variante uno, non si registrano particolari problemi, alcune auto, per strategia, più scariche di carburante, immediatamente guadagneranno diverse posizioni la forbice della strategia potrebbe concretizzarsi in diverse modalità nella finestra di giri che potrebbe partire dal 12 sino al 19, dove ci potrebbe essere la scelta del cambio gomme oppure no oltre all’inevitabile carico di benzina, scelta fondamentale. Diversi piloti entrano subito nelle prime fasi, il cambio gomme potrebbe costare diversi secondi di stop aggiuntivi, e forse il prezzo da pagare potrebbe essere troppo alto, molti decidono di non montare nuove gomme, altri di restare in pista sino ai vapori di benzina provenienti da un serbatoio ormai vuoto, interessante la moltitudine di scelte diverse. Nelle fasi finali e terminate tutte le operazioni ai box la gara vede sventolare con anticipo la bandiera a scacchi dove Ortenzi chiude in prima posizione, posizione conquistata sfruttando forse l’aspetto strategico più adatto alla tappa, quindi l’attesa. Al secondo posto Minio chiude il podio Biasso a 11 secondi dai primi due. Dobbiamo nuovamente registrare il ritiro prematuro per problemi di connessione di Boga che, partendo dalla pole, era riuscito, nei pochi giri fatti, ad imporre un ritmo decisamente importante, sta di fatto che il giro più veloce in gara rimane (purtroppo magra consolazione) Suo alla luce dei soli tre passaggi effettuati.A chiusura dell’evento brianzolo, come da programma è stata effettuata anche la tappa endurance, inversione della griglia per i primi otto classificati nell’evento sprint e semaforo verde!! Partenza regolare e prima variante passata senza indugi da tutto il gruppo, serpentone di auto molto ravvicinato si appresta minaccioso ad affrontare la Roggia, si registra un contatto nella tesa del gruppo ma sostanzialmente si procede senza particolari problematiche, come da copione, il tema strategia nella tappa “lunga” si manifesta, ancora una volta, sotto diverse forme, la maggior parte dei piloti che hanno in dote zavorra, decidono per una prima fase di gara con carico di benzina ridotto per compensare un eventuale penalizzazione nel passo gara, mentre la maggior parte dei piloti opteranno per stint più lunghi e gomma nuova al pit. La gara si conclude dopo 48 tornate e vede primo sotto la bandiera a scacchi Nania, seguito da Mazzei autore oltre che di una ottima rimonta e performance, anche del giro veloce in 1.50.886, chiude il podio Minio. Ci si trasferisce tutti nelle splendide colline toscane per iniziare ad imbastire il miglior setup per il tortuoso ed altrettanto tecnico tracciato del Mugello.

Risultati dal server

Aiuta SimLeague!

-

-

Powered by

channel.png
Racing server

channel.png
Staff
locked.png

channel.png
Chat Room
home.png

channel.png
VDA Team Racing
locked.png

channel.png
SPVS
locked.png

channel.png
Mivano
locked.png

channel.png
TPC Racing
locked.png

channel.png
GpTeam
locked.png